Un giardino che cresce secondo le proprie leggi non è selvaggio, ma nemmeno completamente artificiale.

quindi:

coltivare erbe, muschi, arbusti, fiori e alberi in modo tale da avvicinarsi il più possibile alla loro occorrenza in natura: intercalati, senza barriere tra loro, senza terreno nudo, senza aiuole formali e con tutti i confini e i bordi realizzati in pietra grezza, mattoni e legno che diventano parte della crescita naturale.

  • N.B. Consulta sempre il testo originale per la completa comprensione del pattern.


    Molti giardini sono formali e artificiali. I letti di fiori sono tagliati come tovaglie o disegni dipinti. I prati sono tagliati come pelliccia di plastica perfetta. I sentieri sono puliti, come l’asfalto appena lucidato. I mobili sono nuovi e puliti, freschi dal negozio di dipartimento.

    Questi giardini non hanno la qualità che dà vita a un giardino – la qualità di una natura selvaggia, addomesticata, ancora selvaggia, ma coltivata abbastanza da essere in armonia con gli edifici che lo circondano e le persone che si muovono in esso. Questo equilibrio tra natura selvaggia e coltivazione ha raggiunto un punto alto nei giardini inglesi più antichi.

    In questi giardini le cose sono organizzate in modo che i processi naturali che si creano mantengano la condizione del giardino e non la degradino. Ad esempio, il muschio e l’erba cresceranno tra le pietre pavimentate. In un giardino sensato e naturale, il giardino è organizzato in modo che questo processo migliori il giardino e non lo minacci. In un giardino innaturale questi tipi di piccoli eventi devono essere costantemente “curati” – il giardiniere deve costantemente cercare di controllare ed eradicare i processi di semina, le erbacce, la diffusione delle radici, la crescita dell’erba.

    Nel giardino che cresce selvaggio le piante sono scelte e i confini posti in modo che la crescita delle cose si regoli da sola. Non ha bisogno di essere regolato dal controllo. Ma non cresce con forza e non mina i modi in cui è piantato. Le piante selvatiche naturali, ad esempio, sono piantate tra i fiori e l’erba, in modo che non ci sia spazio per le cosiddette erbacce per riempire gli spazi vuoti e poi necessitare di essere sradicate. I bordi di pietra naturale formano i confini dell’erba in modo che non ci sia bisogno di tagliare il prato e di clippare il bordo ogni poche settimane. Le rocce e le pietre sono posizionate dove ci sono cambi di livello. E ci sono piccole piante di roccia posizionate tra le pietre, in modo che ancora una volta non ci sia spazio per le erbacce per crescere.

    Un giardino che cresce spontaneamente è più sano, più capace di una crescita stabile, rispetto a un giardino più curato e artificiale. Il giardino può essere lasciato in pace, non andrà in rovina in una o due stagioni.
    E anche per le persone, il giardino che cresce spontaneamente crea un’esperienza più profonda. Il giardiniere si trova nella posizione di un buon medico, osservando la natura seguire il suo corso, intervenendo occasionalmente, potando, togliendo alcune specie, solo per dare al giardino più spazio per crescere e diventare sé stesso. Al contrario, i giardini che devono essere curati in modo ossessivo schiavizzano una persona; non puoi imparare da loro allo stesso modo.

    Non includere elementi formali, eccetto dove qualcosa è specificamente richiesta per funzione – come una serra – SERRE (175), un posto tranquillo – SEDUTA DA GIARDINO (176), un po’ d’acqua – ACQUA CALMA (71), o fiori posizionati proprio dove le persone possono toccarli e sentirne il profumo – FIORI SOLLEVATI (245).

    […]


    da: C. Alexander et al., A Pattern Language, Oxford University Press, New York, 1977

    Condividi via:

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    ridone.net::patterns
    error: Contenuto Protetto - Protected Content