Una casa si sente isolata dalla natura che la circonda, a meno che i suoi piani non siano intercalati direttamente con la terra che c’è intorno alla casa.

quindi:

collegare l’edificio alla terra intorno ad esso costruendo una serie di percorsi, terrazze e gradini intorno al bordo. Posizionali deliberatamente per rendere ambiguo il confine – in modo che sia impossibile dire esattamente dove finisce l’edificio e inizia la terra.

  • N.B. Consulta sempre il testo originale per la completa comprensione del pattern.


    Comprendiamo meglio questo contrastando le case che sono nettamente separate dalla terra con quelle in cui c’è una continuità tra le due.

    Guardiamo prima a questa casa in cui non c’è continuità. L’interno e l’esterno sono nettamente separati. Non c’è modo di essere parzialmente all’interno, ma ancora connessi all’esterno; non c’è modo in cui l’interno della casa ti permetta, a piediPiede 0,3048 m (304,8 mm) nudi, di uscire e sentire la rugiada che si raccoglie o raccogliere i fiori di una pianta rampicante perché non c’è una superficie vicino alla casa su cui puoi uscire e ancora essere la persona che sei dentro.

    Confrontiamola con la casa nella nostra immagine principale, dove c’è continuità. Qui, c’è un’area intermedia, la cui superficie è collegata all’interno della casa – eppure è all’aperto. Questa superficie fa parte della terra – eppure un po’ più liscia, un po’ più battuta, più spazzata – uscire su di essa non è come uscire in un campo a piedi nudi – è come se la terra stessa diventasse in quella piccola area una parte del tuo terreno interno.

    Quando confrontiamo gli esempi, sembra che ci sia poco dubbio che sia coinvolto un sentimento profondo, e siamo sicuri di presentare questo pattern come uno fondamentale. Ma possiamo solo speculare sulle sue origini o su perché sia importante.

    Forse la spiegazione più probabile di tutte quelle che siamo in grado di immaginare è quella che collega la radicazione e la stabilità di un uomo o di una donna alla loro connessione fisica con la terra. È molto chiaro, e tutti lo scopriamo per noi stessi, che le nostre vite diventano soddisfacenti nella misura in cui siamo radicati, “con i piedi per terra”, in contatto con il buon senso delle cose di tutti i giorni – non volando in alto nel cielo dei concetti e delle fantasie. Il percorso verso questa radicazione è personale e lento – ma potrebbe essere vero che sia aiutato o ostacolato dalla misura in cui il nostro mondo fisico è esso stesso radicato e connesso alla terra.

    […]


    da: C. Alexander et al., A Pattern Language, Oxford University Press, New York, 1977


    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    ridone.net::patterns
    error: Contenuto Protetto - Protected Content