Quando più di una dozzina di persone lavorano nello stesso luogo, è essenziale che non siano costrette a lavorare in un unico grande spazio non differenziato, ma che invece possano dividere il loro spazio di lavoro e quindi formare piccoli gruppi.

quindi:

Dividi le istituzioni in piccoli gruppi di lavoro identificabili spazialmente, con meno di una dozzina di persone in ognuno. Disponi questi gruppi di lavoro in modo che ogni persona sia in vista parziale degli altri membri del proprio gruppo; e disponi diversi gruppi in modo che condividano un ingresso comune, cibo, attrezzature per ufficio, fontane per bere e bagni.

  • N.B. Consulta sempre il testo originale per la completa comprensione del pattern.


    In effetti, le persone si sentiranno oppresse sia quando lavorano in una massa indifferenziata di lavoratori, sia quando sono costrette a lavorare in isolamento. Il piccolo gruppo raggiunge un bel equilibrio tra l’estremo in cui ci sono così tante persone che non c’è opportunità per una struttura sociale intima di svilupparsi e l’altro estremo in cui ci sono così poche persone che la possibilità di gruppi sociali non si verifica affatto.
    Questa attitudine nei confronti della dimensione dei gruppi di lavoro è supportata dalle conclusioni dell’Unità di Ricerca Pilkington, nelle loro indagini sulla vita in ufficio (Office Design: A Study of Environment, a cura di Peter Manning, Dipartimento di Scienze dell’Edilizia, Università di Liverpool, 1965, pp. 104-28). In uno studio molto ampio, i lavoratori d’ufficio sono stati interrogati sulle loro opinioni riguardo agli uffici grandi e piccoli. Le dichiarazioni che hanno scelto più spesso per descrivere le loro opinioni sono state: “Gli uffici più grandi fanno sentire relativamente poco importanti” e “C’è un sentimento scomodo di essere osservati tutto il tempo in un grande ufficio”. E quando sono stati chiesti di confrontare cinque diverse possibili disposizioni per gli uffici, i lavoratori hanno scelto costantemente quelle disposizioni in cui i gruppi di lavoro erano più piccoli.
    Le cinque disposizioni in ordine di preferenza.

    […]


    da: C. Alexander et al., A Pattern Language, Oxford University Press, New York, 1977

    Condividi via:

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    ridone.net::patterns
    error: Contenuto Protetto - Protected Content