Le persone hanno bisogno di luoghi aperti e verdi dove andare; quando sono vicini li usano. Ma se gli spazi verdi sono a più di tre minuti di distanza, la distanza supera il bisogno.

quindi:

Costruisci un verde pubblico aperto entro tre minuti a piediPiede 0,3048 m (304,8 mm) – circa 750 piedi – da ogni casa e luogo di lavoro. Ciò significa che gli spazi verdi devono essere uniformemente sparsi a intervalli di 1500 piedi, in tutta la città. Rendi gli spazi verdi larghi almeno 150 piedi e almeno 60.000 piedi quadrati di superficie.

  • N.B. Consulta sempre il testo originale per la completa comprensione del pattern.


    I parchi sono pensati per soddisfare questa esigenza. Ma i parchi, come sono di solito intesi, sono piuttosto grandi e distribuiti in modo ampio per la città. Molte poche persone vivono entro tre minuti di distanza da un parco.
    Le nostre ricerche suggeriscono che anche se la necessità di parchi è molto importante, e anche se è vitale per le persone potersi nutrire andando a camminare, correre e giocare su prati aperti, questa esigenza è molto delicata. Le uniche persone che fanno un uso completo e quotidiano dei parchi sono quelle che vivono a meno di tre minuti da essi. Le altre persone in una città che vivono a più di 3 minuti di distanza, non hanno bisogno di parchi meno degli altri; ma la distanza scoraggia l’uso e quindi non riescono a nutrirsi come devono fare.
    Questo problema può essere risolto solo se centinaia di piccoli parchi – o prati – sono sparsi in modo così ampio e profuso che ogni casa e ogni luogo di lavoro nella città si trova a tre minuti a piedi dal più vicino.
    In dettaglio: La necessità di parchi all’interno di una città è ben riconosciuta. Un esempio tipico di questa consapevolezza è dato dai risultati di un sondaggio del 1971 condotto dal Dipartimento di Pianificazione Urbana della città di Berkeley sulle aree aperte. Il sondaggio ha mostrato che la grande maggioranza delle persone che vivono in appartamenti desidera soprattutto due tipi di spazi all’aperto: (a) un piacevole balcone privato utilizzabile e (b) un tranquillo parco pubblico a pochi passi di distanza.

    Ma l’effetto critico della distanza sull’utilità di tali parchi è meno conosciuto e compreso. Per studiare questo problema, abbiamo visitato un piccolo parco a Berkeley e abbiamo chiesto a 22 persone presenti nel parco quanto spesso vi venivano e quanto avevano camminato per raggiungere il parco. In particolare, abbiamo posto tre domande a ciascuna persona:
    a. Sei venuto a piedi o in auto?
    b. Quanti isolati hai percorso?
    c. Quanti giorni fa hai visitato il parco per l’ultima volta?
    Sulla base della prima domanda abbiamo escluso cinque soggetti che erano arrivati in auto o in bicicletta. La terza domanda ha fornito per ciascuna persona una misura del numero di volte alla settimana in cui quella persona viene al parco. Ad esempio, se è venuto l’ultima volta tre giorni fa, possiamo stimare che venga tipicamente una volta alla settimana. Questo è più affidabile rispetto alla domanda sulla frequenza diretta, poiché si basa su un fatto di cui la persona è certa, non sul suo giudizio di una frequenza piuttosto intangibile.
    Costruiamo ora una tabella che mostra i risultati. Nella prima colonna scriviamo il numero di isolati che le persone hanno percorso per raggiungere il parco. Nella seconda colonna scriviamo una misura dell’area della zona a forma di anello che si trova a quella distanza. L’area di questa zona a forma di anello è proporzionale alla differenza tra due quadrati. Ad esempio, la misura dell’area dell’anello a tre isolati è 3^2 – 2^2 = 5.

    (tabella, v. testo originale)

    Nella terza colonna scriviamo il numero di persone che sono arrivate da quella distanza, ciascuna persona moltiplicata per il numero di viaggi alla settimana che fa al parco. Questo ci fornisce una misura del numero totale di viaggi alla settimana, che hanno origine in quell’anello.
    Nella quarta colonna scriviamo il numero di viaggi alla settimana diviso per l’area dell’anello. Se assumiamo che le persone siano distribuite in tutta l’area approssimativamente con una densità uniforme, questo ci dà una misura della probabilità che qualsiasi persona, in un dato anello, faccia un viaggio al parco in una settimana data.
    Nella quinta colonna scriviamo il logaritmo (base 10) di questa misura di probabilità P.
    Una semplice ispezione di questi dati mostra che mentre la misura di probabilità, P, si riduce della metà tra uno e due isolati, si riduce di un fattore di quattro tra due e tre isolati. Il suo tasso di diminuzione diminuisce da lì in poi. Questo indica che l’uso individuale di un parco cambia radicalmente se si abita a più di tre isolati di distanza. Per maggiore precisione esaminiamo la relazione tra la distanza e il logaritmo di P. In circostanze normali, la frequenza di accesso a un dato centro varierà in base a una qualche funzione di decadimento della distanza, come P = Ae^(-Br), dove A e B sono costanti, e r è il raggio. Ciò significa che se il comportamento e la motivazione sono costanti rispetto alla distanza, e tracciamo il logaritmo di P contro il raggio, dovremmo ottenere una retta. Qualsiasi deviazione dalla retta ci mostrerà la soglia in cui un tipo di comportamento e motivazione cambia in un altro. Questo grafico è mostrato di seguito:

    Vediamo che la curva risultante è a forma di S. Inizia a scendere ad un certo angolo, poi diventa molto più ripida e poi si appiattisce di nuovo. Apparentemente c’è una soglia da qualche parte tra 2 e 3 isolati, dove il comportamento e la motivazione delle persone cambiano drasticamente.
    Le persone che vivono in prossimità di un’area verde seguono una funzione di uso ad alta intensità, ha un’inclinazione ripida ed è molto sensibile all’aumento della distanza. Ma le persone che vivono lontano da un’area verde sembrano adottare una funzione di uso a bassa intensità (indicata da un’inclinazione più bassa), e il loro comportamento non è così sensibile alla distanza. È come se le persone con un facile accesso a un’area verde mostrassero una risposta completa e libera ad essa; mentre le persone lontane l’hanno persa di vista e hanno subito una ridotta sensibilità ai piaceri dell’area verde – per queste persone, l’area verde ha smesso di essere un elemento vitale della vita del quartiere.
    Apparentemente, entro un raggio di due o tre isolati (una distanza di tre minuti a piedi), le persone sono in grado di soddisfare il loro bisogno di accesso a un’area verde, ma una distanza maggiore interferisce seriamente con la loro capacità di soddisfare questo bisogno.
    Questa inferenza è piuttosto inaspettata. Sappiamo che le persone che sono vicine a un’area verde ci vanno abbastanza spesso, presumibilmente perché ne hanno bisogno per rilassarsi. Anche le persone che vivono a più di tre minuti a piedi dall’area verde hanno bisogno di rilassarsi, presumibilmente. Ma nel loro caso, la distanza impedisce loro di soddisfare il loro bisogno. Sembra quindi che per soddisfare questo bisogno, tutti – e questo significa ogni casa e ogni posto di lavoro – debbano trovarsi entro tre minuti da un parco del genere.

    Una domanda rimane. Quanto grande deve essere un’area verde per soddisfare questo bisogno? Dal punto di vista funzionale è facile rispondere. Deve essere abbastanza grande affinché, almeno al centro, si abbia la sensazione di essere in contatto con la natura e lontani dal trambusto cittadino. Le nostre stime attuali suggeriscono che un’area verde dovrebbe essere di almeno 60.000 piedi quadrati di superficie, e avere almeno 150 piedi di larghezza nella direzione più stretta per soddisfare questo requisito.

    Prestate particolare attenzione agli alberi vecchi, prendetevi cura di loro – LUOGHI DI ALBERI (171); modellate l’area verde in modo che formi uno o più spazi simili a stanze positivi e circondatelo con alberi, muri o edifici, ma non con strade o auto – SPAZIO ESTERNO POSITIVO (106), MURO DEL GIARDINO (173); e forse riservate una parte dell’area verde per funzioni comunitarie speciali – TERRA SACRA (66), SITI FUNERARI (70), SPORT LOCALI (72), ANIMALI (74), DORMIRE IN PUBBLICO (94).


    da: C. Alexander et al., A Pattern Language, Oxford University Press, New York, 1977

    Condividi via:

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    ridone.net::patterns
    error: Contenuto Protetto - Protected Content