Se trascorri otto ore della tua giornata al lavoro e otto ore a casa, non c’è motivo per cui il tuo posto di lavoro debba essere meno comunità della tua casa. 

quindi:

Costruire o incoraggiare la formazione di comunità di lavoro, di cui ognuna è una collezione gruppi più piccoli di luoghi di lavoro che hanno i propri cortili, raccolti attorno a uno più grande 115 piazza comune o cortile comune che contiene negozi e banchi per il pranzo. Il totale la comunità di lavoro non dovrebbe avere più di 10 o 20 posti di lavoro al suo interno

  • N.B. Consulta sempre il testo originale per la completa comprensione del pattern.


    Quando qualcuno ti dice dove “vive”, si riferisce sempre alla sua casa o al quartiere in cui si trova la sua casa. Sembra abbastanza innocuo. Ma pensa a cosa significa veramente. Perché le persone della nostra cultura scelgono di usare la parola “vivere”, che in apparenza si applica ad ogni momento della nostra vita di veglia, e applicarla solo ad una parte speciale della nostra vita – quella parte associata alle nostre famiglie e alle nostre case? L’implicazione è chiara. Le persone della nostra cultura credono di essere meno vive quando lavorano che quando sono a casa; e facciamo questa distinzione in modo sottile, scegliendo di mantenere la parola “vivere” solo per quei luoghi della nostra vita dove non stiamo lavorando. Chiunque usi l’espressione “dove abiti” nel suo significato quotidiano, accetta come propria la diffusa consapevolezza culturale del fatto che nessuno “vive” veramente nel suo luogo di lavoro – non c’è canzone o musica lì, né amore, né cibo – che non è vivo mentre lavora, non vive, solo si consuma e muore.

    Appena comprendiamo questa situazione, siamo indignati. Perché dovremmo accettare un mondo in cui otto ore del giorno sono “morti”; perché non creare un mondo in cui il nostro lavoro sia tanto parte della vita, tanto vivo, come qualsiasi cosa facciamo a casa con la nostra famiglia e con i nostri amici?

    […]


    da: C. Alexander et al., A Pattern Language, Oxford University Press, New York, 1977

    Condividi via:

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    ridone.net::patterns
    error: Contenuto Protetto - Protected Content