Tutti amano i sedili alla finestra, le finestre ad arco e le grandi finestre con davanzali bassi e le comode sedie accanto a loro.

quindi:

in ogni stanza in cui trascorri del tempo durante il giorno, trasforma almeno una finestra in un “luogo finestra”.

  • N.B. Consulta sempre il testo originale per la completa comprensione del pattern.


    È facile pensare a questi tipi di luoghi come a lussi, che non possono più essere costruiti e che non siamo più abbastanza fortunati da poterci permettere. In realtà, la questione è più urgente. Questi tipi di finestre che creano “luoghi” accanto ad esse non sono semplicemente lussi; sono necessari. Una stanza che non ha un luogo del genere di rado ti permette di sentirti completamente a tuo agio o perfettamente a tuo agio. Infatti, una stanza senza un luogo finestra può tenerti in uno stato di conflitto e tensione irrisolti – lievi, forse, ma definiti.

    Questo conflitto assume la seguente forma. Se la stanza non contiene una finestra che sia un “luogo”, una persona nella stanza sarà divisa tra due forze:

    1. Vuole sedersi e stare comodo.
    2. È attratto dalla luce.

    Ovviamente, se i luoghi confortevoli – quei luoghi nella stanza dove vuoi sederti di più – sono lontani dalle finestre, non c’è modo di superare questo conflitto. Vedete, quindi, che il nostro amore per i “luoghi” finestra non è un lusso ma un’intuizione organica, basata sul desiderio naturale di una persona di lasciare libere le forze che sperimenta. Una stanza in cui ti senti veramente a tuo agio conterrà sempre qualche tipo di luogo finestra.

    Ora, naturalmente, è difficile dare una definizione esatta di un “luogo”. Essenzialmente, un “luogo” è un punto parzialmente chiuso e distintamente identificabile all’interno di una stanza. Tutti i seguenti possono funzionare come “luoghi” in questo senso: finestre a baia, sedili finestra, un davanzale basso dove c’è una posizione ovvia per una poltrona comoda e nicchie profonde con finestre tutto intorno. Per rendere il concetto di un luogo finestra più preciso, ecco alcuni esempi di ciascuno di questi tipi, insieme alla discussione delle caratteristiche critiche che li rendono funzionanti.

    […]


    da: C. Alexander et al., A Pattern Language, Oxford University Press, New York, 1977

    Condividi via:

    Lascia una risposta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    ridone.net::patterns
    error: Contenuto Protetto - Protected Content